Stoner

7249211

Titolo: STONER

Autore: John Williams

Casa editrice: Fazi Editore

Anno di pubblicazione: edizione 2016

Prezzo: € 15,00

 

LA MIA RECENSIONE

Ho letto questo libro in circa un mese sfruttando le pause (minime) consentite dalla vita da neomamma 😉

Consigliatomi da un librario, devo ammettere che il romanzo di Williams non delude le aspettative di chi si appresta a leggerlo. Protagonista della vicenda è William Stoner: uomo semplice e senza grandi qualità che lavora con passione come docente all’Università di Columbia. Stoner conduce una vita semplice e senza grandi pretese: sposato con Edith (donna fragile e perennemente insoddisfatta), padre della piccola Grace e Insegnante presso una prestigiosa semplicità. Continua a leggere

A te…

In queste giornate di occhiaie, di notti infinite con pochissime ore dormite e di giornate tutte uguali scandite da biberon/pannolino è stata dura trovare del tempo libero ma finalmente eccomi qui a dedicarti il tuo primo articolo. Nei 9 mesi di attesa ho avuto un sacco di occasioni per immaginarti: il mio bambino immaginato era scuro, con gli occhi grandi come il suo papà e una testa dura quasi come quella della mamma. unnamed

Il 19 giugno alle 16.11 sei arrivato dopo un lungo travaglio e mi hai dimostrato di aver indovinato il tuo aspetto fisico (di tutti i visi che potevi scegliere hai optato sicuramente per il più bello) ma hai superato la mia previsione per quanto riguarda il carattere: sei dolcissimo in certi momenti ma cocciuto e determinato se decidi che qualcosa non ti va (il reparto di ostetricia della San Giuseppe ricorderà a lungo i tuoi pianti notturni). La stessa forza che hai dimostrato nel volerti aggrappare alla vita quando le statistiche e i medici dicevano che la tua mamma avrebbe fatto molta fatica a rimanere incinta.

Eppure tu eri là: una meravigliosa stellina luminosa che illuminava il buio dell’ecografo e che, mese dopo mese, è diventata la stupenda creatura che sei adesso e che posso stringere tra le mia braccia fragili. Tiè. Durante i 9 mesi nella pancia hai goduto della gioia di essere atteso con infinito amore (che hai sempre saputo corrispondere con i tuoi calcetti e i tuoi movimenti) e sei stato talmente fortunato da essere sempre circondato da libri e persone adorabili grazie al lavoro della tua mamma. L’augurio che io ti faccio è di saper amare ed essere sempre avvolto, come in questi primi attimi, da affetto ed allegria. Sorridi alla vita perché con la tua nascita hai reso il mondo un luogo infinitamente più bello. L’augurio che invece mi faccio è di imparare ad essere più paziente e capire che le tue necessità, per ora, sono molto diverse da quelle che io e il tuo papà abbiamo avuto finora. Sii sempre curioso e non smettere mai di imparare e di esprimere le tue passioni perché in questo mondo che ci vuole un po’ bigotti si salva solo chi usa la propria testa in maniera autonoma. Svegliati ogni giorno con la speranza che possa essere una giornata meravigliosa, goditi il sole che accarezza il viso nelle giornate estive (come quella in cui sei nato), sbuffa perché fuori piove e non si può uscire, trova, tra le tante che ti verranno proposte, le cose che ti faranno stare bene (che saranno poche e proprio per questo ancora più preziose) e ricordati sempre che ci saranno la tua mamma ed il tuo papà a sostenerti nel momenti bui e faticosi che la vita ti riserverà.

Ed infine, come sempre, grazie per esserti fatto trovare e averci scelto come genitori.

Buon primo mese di vita piccolo Gabriele.

La tua mamma