Nessuno come noi

nessuno-come-noi-cover

Titolo: Nessuno come noi

Autore: Luca Bianchini

Casa editrice: Mondadori

Anno di pubblicazione: 2017

Prezzo: € 18,00

LA MIA RECENSIONE

Ho atteso con ansia l’uscita del nuovo romanzo di Luca Bianchini che, seppure un pelo più adolescenziale dei precedenti titoli, conquista rapidamente il lettore che non riesce a smettere di leggere. Ci troviamo nel Liceo Majorana di Torino, anno 1987, e protagonisti della vicenda sono i “tre cuori in affitto”: Vince, Cate e Spagna. Tre ragazzi e compagni di banco che, seppur molto diversi tra loro, sono amici per la pelle e condividono ogni giorno emozioni ed avventure. A stravolgere il delicato equilibrio adolescenziale del trio e dell’intera classe sarà Romeo Fioravanti: rampollo di una ricca famiglia che si trova a dover ripetere l’anno scolastico a causa della mancanza d’impegno dimostrata fino all’alba dei suoi diciotto anni. Sebbene precedente all’epoca in cui io ho frequentato il Liceo mi sono ritrovata tantissimo in alcune descrizioni: l’attesa per la gita scolastica, l’ansia il giorno prima di una verifica di matematica e la preoccupazione di non essere accettata dal gruppo. Bianchini, attraverso una trama molto semplice, costruisce un quadro molto apprezzabile dei rimpianti anni Ottanta dove tutto era molto meno complicato e, allo stesso tempo, più genuino. Il lettore si ritrova a fare il tifo per Vince e a seguirne la sua crescita come uomo, ad ammirare e al tempo stesso a detestare la Professoressa Betty Bottone, a girovagare sui mezzi pubblici dell’incantevole città di Torino in compagnia di adolescenti dalle idee a volte un po’ confuse (e per questo simpatici ed empatici). Una lettura non impegnata ma piacevolissima che presenta un ambiente caro all’autore che presto si impara ad amare e del quale si sente la mancanza a fine lettura.

La recensione di questa settimana si inserisce nell’iniziativa del Domino Letterario. Trovate tanti altri consigli di lettura nei blog che vi fanno parte. Eccoli tutti!!!! 😉

unnamed-1

IL MIO VOTO (DA 1 A 10) E’… 9

Rilassante e piacevole. Da leggere coccolandosi sul divano in un freddo pomeriggio invernale… magari con una bella tazza di cioccolata 😉

LA RECENSIONE DI IBS

Torino, 1987. Vincenzo, per gli amici Vince, aspirante paninaro e aspirante diciassettenne, è innamorato di Caterina, detta Cate, la sua compagna di banco di terza liceo, che invece si innamora di tutti tranne che di lui. Senza rendersene conto, lei lo fa soffrire chiedendogli di continuo consigli amorosi sotto gli occhi perplessi di Spagna, la dark della scuola, capelli neri e lingua pungente. In classe Vince, Cate e Spagna vengono chiamati “Tre cuori in affitto”, come il terzetto inseparabile della loro sit-com preferita. L’equilibrio di questo allegro trio viene stravolto, in pieno anno scolastico, dall’arrivo di Romeo Fioravanti, bello, viziato e un po’ arrogante, che è stato già bocciato un anno e rischia di perderne un altro. Romeo sta per compiere diciotto anni, incarna il cliché degli anni Ottanta e crede di sapere tutto solo perché è di buona famiglia. Ma Vince e Cate, senza volerlo, metteranno in discussione le sue certezze. A vigilare su di loro ci sarà sempre Betty Bottone, l’appassionata insegnante di italiano, che li sgrida in francese e fa esercizi di danza moderna mentre spiega Dante. Anche lei cadrà nella trappola dell’adolescenza e inizierà un viaggio per il quale nessuno ti prepara mai abbastanza: quello dell’amore imprevisto, che fa battere il cuore anche quando “non dovrebbe”. In un liceo statale dove si incontrano i ricchi della collina e i meno privilegiati della periferia torinese, Vince, Cate, Romeo e Spagna partiranno per un viaggio alla scoperta di se stessi senza avere a disposizione un computer o uno smartphone che gli indichi la via, chiedendo, andando a sbattere, scrivendosi bigliettini e pregando un telefono fisso perché suoni quando sono a casa. E, soprattutto, capendo quanto sia importante non avere paura delle proprie debolezze.

Annunci

14 pensieri su “Nessuno come noi

  1. Io sono un po’ scettica su questo libro. L’ultimo di Bianchini non mi è piaciuto per niente, una storia così scialba che non vedevo l’ora di arrivare alla fine, quindi sono rimasta così delusa da quello, che non credo leggerò il nuovo anche perché dalla trama non mi ispira proprio :S Però sono felice che a te sia piaciuto 😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...