Dimmi che credi al destino

6101991_395450

Titolo: Dimmi che credi al destino

Autore: Luca Bianchini

Casa editrice: Mondadori

Anno di pubblicazione: 2015 

Prezzo: € 17,00

LA  MIA RECENSIONE

“Perché chi investe nei libri investe anche nei sogni, e i sogni a volte hanno un prezzo”.

In effetti decidere di avere a che fare con i libri può voler dire sognare e per sognare ogni tanto bisogna prima soffrire (parola mia che nei miei anni di precariato mi sono vista, e tuttora mi vedo, sfilare davanti il peggio del peggio)… ma tutto sommato ne vale sempre la pena. L’Italian Bookshop è una libreria italiana situata nella città di Londra che rischia la chiusura a causa del crollo delle vendite. Le due donne che la gestiscono sono Ornella e Clara, amiche oltre che colleghe seppure agli antipodi tra di loro. Clara ama la tranquillità delle sue giornate sempre uguali e possiede un gatto immaginario mentre Ornella è una “sopravvissuta”, reduce da un lungo percorso di recupero dalla tossicodipendenza che ama i cieli di Londra, il the e i nani da giardino. Attorno ad Ornella ruotano vari personaggi che diventano dei beniamini per il lettore: la Patti, amica e compagna di sventure negli anni della riabilitazione; Diego, ragazzo dall’identità sessuale confusa che aiuterà le due donne a risollevare le sorti della libreria; Mr. George, arzillo vecchietto ed ottimo dispensatore di consigli e infine Bernard, vicino di casa da sempre innamorato di Ornella. Il romanzo scorre velocemente e fa sì che ci si innamori delle abitudini delle protagoniste ma soprattutto della città di Londra con i suoi parchi, le sue casette rosse e suoi negozietti e ristorantini. Colpo di scena del romanzo è il viaggio in Italia, nella città di Verona, di Ornella e Patti che, come Thelma e Louise, a bordo di una Seicento sentono il bisogno di chiudere il conto con il loro passato. Un viaggio che insegna che per arrivare ad essere le persone che si desidera spesso e volentieri serve cadere perché solo cadendo si impara a rialzarsi e ad essere più forti di prima.

IL MIO VOTO (DA 1 A 10) E’… 8

Dimmi che credi al destino segna l’esordio del mio rapporto, un po’ conflittuale, con il mondo degli e-reader (mio marito mi ha regalato il Kobo). Seppure apprezzi la comodità di avere in un unico dispositivo un’intera libreria la versione cartacea sarà sempre e comunque la mia preferita. Dopo questa breve digressione personale, torniamo al romanzo: molto bello, io amo la scrittura di Bianchini ed anche questa volta non sono rimasta delusa. Ho apprezzato molto come il libro tratti tematiche molto impegnative in maniera frizzante ed ironica senza mai banalizzare o giudicare. Straconsigliato!

LA RECENSIONE DI IBS

Ornella ama i cieli di Londra, il caffè con la moka e la panchina di un parco meraviglioso dove ogni giorno incontra Mr George, un anziano signore che ascolta le sue disavventure, legate soprattutto a un uomo che lei non vede da troppo tempo, e che non riesce a dimenticare. A cinquantacinque anni, Ornella si considera una campionessa mondiale di cadute, anche se si è sempre saputa rialzare da sola. Per fortuna può contare su Bernard, il suo vicino di casa, che la osserva da lontano e la conosce meglio di quanto lei conosca se stessa. L’ultima batosta, però, è difficile da accettare. La piccola libreria italiana che dirige nel cuore di Hampstead – dove le vere star sono due pesci rossi di nome Russell & Crowe – rischia di chiudere: il proprietario si è preso due mesi per decidere. Lei, che sa lottare, ha imparato anche a lasciarsi aiutare, e così chiama in soccorso la Patti, la sua storica amica milanese inimitabile compagna di scorribande – che arriva in città con poche idee e tante scarpe, ma sufficiente entusiasmo per trovare qualche soluzione utile a salvare l’Italian Bookshop. La prima è quella di assumere Diego, un ragioniere napoletano bello e simpatico, che fa il barbiere part-time, ha il cuore infranto e le chiama guagliuncelle. Ma proprio quando la libreria ha più bisogno di lei, il destino riporterà Ornella in Italia, a bordo di una Seicento malconcia guidata in modo improbabile dalla Patti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...